VIAGGIO IN ISLANDA IN FAI DA TE – Ultimo aggiornamento: 14/11/2019

Il mio Mal d’Islanda mi ha portata a scrivere, a leggere e a condividere molto più di quanto avessi potuto immaginare, per cui è arrivato il momento di mettere un po’ d’ordine e di rendere più piacevole e navigabile questa sezione del blog, che crescerà sempre più.

INDICE

Introduzione
Stagione migliore per una vacanza in Islanda – Quando andare? Com’è il clima?

Come organizzarsi e codice sconto per l’auto
I luoghi da vedere in Islanda



INTRO

viaggio in Islanda in fai da te

Il sublime

L’Islanda è la Terra degli elfi, del ghiaccio e del fuoco. Un pianeta primordiale in cui la natura incontaminata fa da padrone, e l’uomo deve inchinarsi al suo cospetto: qui il fumo non proviene dalle ciminiere, ma dalle viscere della Terra.

Doppio arcobaleno: ordinarie meraviglie islandesi - viaggio in Islanda in fai da te

Doppio arcobaleno: ordinarie meraviglie islandesi

Quest’isola non è buia come erroneamente si crede: è illuminata da tramonti che sembrano dipinti, e da arcobaleni di una brillantezza ineguagliabile; d’estate il sole è perenne, mentre d’inverno l’oscurità è interrotta dalla luce danzante dell’aurora boreale. Quando è nuvoloso l’epicità dell’isola è comunque inenarrabile.

Thingvellir, a.k.a. Mid-Westeros - viaggio in Islanda in fai da te

Thingvellir, a.k.a. Mid-Westeros

COM’È IL CLIMA IN ISLANDA?

Ci sono due macro-stagioni in Islanda: quella “calda”, che  va da giugno a settembre circa, e arriva a toccare i 15-20°, e quella fredda, da ottobre a maggio circa, in cui,  grazie alla corrente del Golfo, le temperature difficilmente scendono sotto i -10°. Le temperature tuttavia non sono molto indicative: il vento artico vi ricorderà a che latitudine vi trovate realmente.

Non c'è bisogno che vi quantifichi la velocità del vento: la foto parla da sola! - viaggio in Islanda in fai da te

Welcome to WINDland – Non c’è bisogno che vi quantifichi la velocità del vento: la foto parla da sola!

Il meteo è imprevedibile in tutte le stagioni, al punto che un proverbio islandese recita:

“Líkar þér ekki veðrið, bíddu þá bara í 5 mínútur”

(Se il tempo non ti piace, aspetta 5 minuti)

Le previsioni sono affidabili solo molto a ridosso (nell’ordine delle 12 ore circa) e sono disponibili sul sito islandese ad hoc.

Islanda in estate

In alta stagione l’entroterra accoglie gli escursionisti, si possono avvistare i puffin (pulcinella di mare), le volpi artiche mutano il pelo da bianco a marrone/grigiastro, fioriscono i lupini, (giugno), il clima è meno ostile e le giornate hanno una lunghezza interminabile. Ciò porta anche ad una maggiore affluenza di turisti e alla levitazione dei prezzi, ma con la giusta organizzazione è un viaggio meno inavvicinabile di quanto si possa immaginare. D’estate ci si può muovere in autobus per più tratte dell’isola, ma è sicuramente un modo molto limitativo per visitarla, e che perde senso anche economicamente, quando si ha la possibilità di condividere la macchina con altri viaggiatori.

Landmannalaugar in veste estiva - viaggio in Islanda in fai da te

Landmannalaugar in veste estiva

A fine agosto/inizio settembre farete ambo in quanto potrebbe palesarsi anche l’aurora boreale e non dovrete più fare a gomitate nei siti più noti.
Risorse utili per visitare l’Islanda in estate:

Io e il mio fotoquadro islandese

Islanda in inverno

In bassa stagione i maestosi fiordi Nord-Occidentali sono spesso proibitivi, le strade F (di montagna) sono chiuse, e si può contare principalmente sulla Ring road, la strada circolare che gira attorno all’isola, sui percorsi per raggiungere le zone più turistiche, (Blue Lagoon e Circolo d’oro), e sulle strade che girano attorno a Snaefellsnes: il sito road.is dovrà essere il vostro fedele compagno di viaggio per capire gli spostamenti possibili, che non sono mai una garanzia. Oltre al raggio d’azione limitato, alle poche ore di luce, e alla conseguente maggiore lentezza del viaggio, ciò che cambia è proprio lo scenario. Non ci sono più i colori estivi, e l’Islanda spesso presta fede al suo nome (equivoco) di “terra dei ghiacci”; anche le attività possibili cambiano, infatti si può camminare dentro le grotte ghiacciate del Vatnajökull.

Ice cave - Islanda in inverno ©NY daily news

Ice cave – Islanda in inverno ©NY daily news

Inoltre la fauna avvistabile muta: di pecore e puffin neanche l’ombra. Un’altra faccia della medaglia dunque, ma non meno affascinante: ci sarà probabilità di vedere l’aurora boreale, e si potrà godere della natura nella sua veste più intima e silenziosa. Bisogna tener presente però che, da metà dicembre a metà gennaio circa, specialmente a Nord dell’isola, le ore di luce sono davvero poche (3 il 21 dicembre ad Akureyri, 4 a Reykjavik), e, a parte la luce data dai raggi crepuscolari, per il resto non si vede nulla; e non è neanche detto che l’aurora sarà sempre visibile.

Aurora Boreale in Groenlandia_Nuuk

L’oscurità è infatti una condizione necessaria ma non sufficiente per vedere le luci del Nord. Oltre ad un cielo buio e limpido, ciò che serve è un punto d’osservazione lontano dall’inquinamento luminoso, in concomitanza con l’intensità del fenomeno. Quest’ultima si misura in KP, su una scala che va da 1 (bassissima) a 9 (tempesta geomagnetica): per vedere l’aurora alla latitudine in cui si trova l’Islanda, l’indice KP dovrebbe essere minimo 2 per il Nord dell’isola, e minimo 3 per il Sud. Potete monitorare le previsioni legate all’aurora boreale su questo sito islandese e sull’intramontabile aurora service.

Faraglioni di Vík, visitabili tutto l’anno ©Marco Sanzone, Oltrenord

Altre informazioni utili sono il numero di ore di luce,  e questo articolo che ho scritto per il mio viaggio in Lapponia:

Nota: Per semplificare, nell’inverno ho incluso anche le mezze stagioni: ottime per viaggiare con qualche ora di luce in più, e per guidare con qualche intemperia in meno. Meno intemperie vuol dire anche più possibilità di avvistare le luci di Nord!

VIAGGIO IN ISLANDA FAI DA TE: COME ORGANIZZARSI

Questa isola è un paradiso che non poteva rimanere segreto troppo a lungo, e che negli ultimi anni è diventata una meta ambita perfino tra i fanatici dell’ombrellone: una popolazione di 350.000 abitanti – estesa su una superficie pari a quella del Nord Italia – si ritrova quindi a fronteggiare un’ondata di visitatori anche sei-sette volte maggiore. Gli improvvisatori dovranno cambiare strategia se intendono visitare quest’isola in alta stagione senza spendere un capitale: la prenotazione anticipata salverà il vostro portafoglio come non mai, e vi permetterà di avere un tetto sopra la testa.

Landmannalaugar on the road - viaggio in Islanda in fai da te

Landmannalaugar on the road – Viaggio in Islanda in fai da te

In Islanda non esistono nè ferrovie, nè autostrade, c’è solo una strada degna di questo nome che gira attorno all’isola: la Ring Road (o Hringvegur o strada n°1); le strade che passano in mezzo sono perlopiù sterrate e di difficile percorrenza senza un 4×4 o con condizioni climatiche avverse.  Il miglior modo per visitarla è quindi la macchina: un semplice 4×2 se volete risparmiare, (precludendovi le zone più selvagge e meno battute), oppure un 4×4 o una Jeep, se non volete perdervi proprio nulla. 

Guidare sulle piste F - Viaggio in Islanda in fai da te

Guidare sulle piste F – Viaggio in Islanda in fai da te

Piccola chicca! Più cifre hanno le strade più sono ardue: più toste delle strade a 3 cifre, ci sono solo le piste F (di montagna).


CODICE SCONTO SUL NOLEGGIO AUTO IN ISLANDA

Inserendo il codice sempre valido #BlueVale su Blue Car Rental, avrete lo sconto per l’autonoleggio: è un’offerta per i miei lettori! Inoltre se prenotate per una settimana, l’ottavo giorno è gratis.

Noleggio auto in Islanda a basso costo

Sconto sul noleggio auto in Islanda inserendo il mio codice #BlueVale su www.bluecarrental.is (con tanto di cancelletto e maiuscole!)


Altre informazioni pratiche, le trovate in questi miei articoli:

Un consiglio in più: iscrivetevi al nostro gruppo facebook “AMICI DELL’ISLANDA“, un vero e proprio raduno di italiani appassionati d’Islanda: conta 20.700+ persone che non vedono l’ora di condividere la loro passione e conoscenza. Ne gestisco anche un altro: Gruppo Italia-Islanda, legato ad Islanda.it.

VIAGGIO IN ISLANDA FAI DA TE: LUOGHI DA VEDERE

Mappa d’Islanda by Christiane Engel – Viaggio in Islanda in fai da te

In quest’isola grande come il Nord-Italia, ogni angolo nasconde una meraviglia.
Ecco i luoghi di cui ho parlato finora sul mio blog:

La Penisola di Snæfellsnes

La silenziosa baia di Stykkisholmur - viaggio in Islanda in fai da te

La silenziosa baia di Stykkisholmur

Da qui parte il traghetto per una perla nascosta: Flatey, un’isoletta surreale con solo 7 abitanti stabili.

La capitale Reykjavík

Tramonto estivo a Reykjavik, ore 23.00 - viaggio in Islanda in fai da te

Tramonto estivo a Reykjavík, ore 23.00.

Qui avrete l’occasione di conoscere gli islandesi e la loro cultura, dato che ospita i 2/3 degli abitanti totali: 200.000 anime!

Per approfondire:

La Blue Lagoon e le altre terme islandesi

Maschera di alghe alla Blue Lagoon - viaggio in Islanda in fai da te

Maschera di alghe alla Blue Lagoon (prima che iniziassero espansione e sovraffollamento)

Come avere il meglio dalla piscina più famosa, (turistica e costosa) dell’isola, e dalle altre bellissime terme gratuite

L’Islanda di fuoco

In Islanda è possibile sentire il pianeta respirare e ribollire. Ci sono circa 200 vulcani, (di cui 130 attivi), solfatare e distese laviche. Lo spettacolo più ineguagliabile è forse quello offerto da Strokkur, il geyser più affidabile del mondo.

Sua maestà Strokkur in eruzione - viaggio in Islanda in fai da te

Sua maestà Strokkur in eruzione

Qui ho scritto del geyser per eccellenza,  di Thingvellir e…di luoghi inesplorati:

Heimaey, l’unica isola abitata dell’arcipelago più a Sud d’Islanda (Isole Westman)

Un simpaticissimo Puffin - © Beatrice Roat - Nel cuore della Scozia - viaggio in Islanda in fai da te

Uno dei simpaticissimi puffin che popolano le isole Westman d’estate – © Beatrice Roat

L’entroterra: l’Islanda più incontaminata

I luoghi più difficili da raggiungere sono sempre i migliori. Zona raggiungibile solo con jeep o escursioni ad hoc, e con il meteo dalla vostra parte.

Un' immagine rappresentativa del Laugavegur (Sì, questi colori sono reali.) - Viaggio in Islanda in fai da te

Un’ immagine rappresentativa del Laugavegur (Sì, questi colori sono reali.)

Di quando abbiamo deviato dalle zone più turistiche e ci siamo (quasi) persi nell’entroterra:

viaggio in Islanda in fai da te - Tramonto islandese in mezzo al nulla.

Viaggio in Islanda in fai da te – Tramonto islandese in mezzo al nulla.

L’Islanda verde

“Ah! Pensavo fosse l’IRlanda!” – Questo il commento più comune, davanti alle foto di vallate islandesi: in realtà non hanno del tutto torto, dato che il nome Islanda (Ice-land) vuol dire “terra dei ghiacci”. Questo curioso nome di battesimo è stato probabilmente invertito con quello della vicina Groenlandia (Green-land) che pare sia stata chiamata “terra verde”, per favorirne la colonizzazione.

Islanda_fiordi occidentali_Göngumannafoss_Dynjandi

Ecco la vallata verde per eccellenza, al massimo del suo splendore:

Da qui inizia il bellissimo trekking che conduce a Thorsmork, il bosco di Thor.

L’Islanda di ghiaccio

Questa è l’Islanda dell’immaginario collettivo, anche se, ancora una volta, la realtà supera le aspettative.

viaggio in Islanda in fai da te - Neanche un grandangolo ad un obiettivo più luminoso avrebbero reso l'idea..

Un grandangolo ed un obiettivo più luminoso avrebbero reso l’idea…

Fiordi Nord-Ovest

Ho dedicato un intero viaggio solo a questa zona, una delle più remote e selvagge d’Islanda. Quest’area oltretutto è una delle più ricche di uccelli e di animali, tra cui la fuggevole volpe artica. Per saperne di più:

Fiordi Occidentali - Viaggio in Islanda fai da te

Continuo a pensare che viaggi come questo dovrebbero essere un dovere, prima ancora che un piacere. L’Islanda è capace di insegnare molto, anche a chi non ha la giusta sensibilità per coglierlo: la dirompenza della sua natura ha il potere di far sentire l’uomo piccolissimo e di disarmarlo, com’è giusto che sia. Non siamo altro che ospiti privilegiati su questo pianeta, e dovremmo camminarci in punta di piedi, dandogli il rispetto che merita.

Valeria


TA-DAA-N!
HO SCRITTO UNA GUIDA CARTACEA SULL’ISLANDA!
La trovate sul sito della casa editrice ViaggiAutori: per saperne di più, leggete la mia “guida alla guida

Guida Islanda_viaggio_2019

Se vi interessano i Poli, leggete anche: