Prepararsi all’Antartide: abbigliamento, attrezzatura, libri da leggere e film da vedere

INDICE
  Attrezzatura fotografica per l’Antartide
  Come fare la valigia: abbigliamento antartico
  Guide e libri da leggere
Film e documentari sull’Antartide
isole_shetland_meridionali_half_moon
Questo post nasce da un costola del mio primo reportage sul continente bianco:

Una volta capito quando andare, che itinerario e nave scegliere, e i costi da sostenere, non rimane che passare ai preparativi; o, male che va, continuare a documentarsi e a sognare con libri e film sull’Antartide. Ecco quindi un piccolo vademecum, dall’equipaggiamento antartico vero e proprio, al bagaglio culturale ed emozionale.

Prepararsi all’Antartide: attrezzatura fotografica

Paradise Bay, il nome dice tutto.

Due fotocamere. In questa maniera non dovrete cambiare sempre obiettivo, procedura che, oltre a farvi perdere immagini interessanti, metterebbe a rischio l’attrezzatura, tra vento e schizzi d’acqua. Su una potreste montare il grandangolo o un obiettivo 24-70, per la vastità dei paesaggi o per avere una visione d’insieme, sull’altra un tele per la wildlife come il 70-200 mm, che per me è stato davvero fondamentale. Un 300 mm a volte sarebbe stato utile per fotografare orche e balene dalla nave, o per fare primi piani di pinguini una volta scesi a terra.
"Nikon

Di seguito le distanze minime da tenere dagli animali in Antartide, utili per capire anche il tipo di fotografia:

  • 5 metri dai pinguini (anche se tendono ad avvicinarsi molto di più, incuriositi dai visitatori)
  • 15 metri dalle foche
  • 25 metri dagli uccelli che nidificano

Zaino fotografico resistente all’acqua. Deve essere uno zaino (e non una borsa) in modo da bilanciare meglio il peso in zodiac e nelle operazioni di salita e discesa, e deve essere waterproof, non tanto per le precipitazioni (quasi assenti in un deserto di ghiaccio) quanto per gli schizzi che prenderete navigando in acque antartiche.
Custodia impermeabile per la fotocamera, per i motivi sopra descritti.

Sacchetto waterproof per fotocamera, indispensabile per un viaggio in Antartide

Sacchetto waterproof per fotocamera, indispensabile per un viaggio in Antartide

Va benissimo questa custodia da 10 euro, ma non va assolutamente bene la versione fai da te, come il classico sacchetto Cuki con elastico: rischierebbe di volare via, un male sia per la fotocamera che per l’inquinamento antartico.
Batteria di scorta, ma soprattutto schede SD extra con GB in abbondanza!
Per quanto riguarda il cavalletto, non l’ho mai usato: in nave traballa tutto, mentre dallo zodiac alla costa era poco pratico da trasportare, e tendenzialmente preferivo non perdermi le avventure tra pinguini, piuttosto che cercare di catturare un paesaggio più statico.
E Il drone? Il drone in Antartide non è ammesso: disturberebbe la fauna e rischierebbe anche di diventare un piccolo relitto in mezzo alla natura incontaminata del continente bianco.

Prepararsi all’Antartide: abbigliamento da mettere in valigia

isole_shetland_meridionali_half_moon
Alcune compagnie, (come ad esempio Quark), includono nel prezzo del viaggio anche il noleggio di capi di abbigliamento, come la tuta resistente ad acqua e vento e gli stivali di gomma. Nel nostro caso (Antarpply) solo gli stivali, ma erano leggeri, e la disponibilità di taglie era limitata.

Stessa giacca della foto sotto, ma con fodera in piuma d’oca inserita

Ecco la mia giacca polare: il marchio Patagonia è una garanzia!

Patagonia_giacca polare_abbigliamento artico e antartico

Patagonia – WOMEN’S TRES 3-IN-1 PARKA 28408 SMDB

Considerando che si parte dell’Argentina, ci vorrà una bagaglio per tutte le stagioni: da Novembre a Marzo è estate nell’altro emisfero, ma mentre a Buenos Aires c’è il clima di Roma (anche 30°C nella stagione calda), in Patagonia è freschetto e ventoso anche in estate (5-12° C).

Pinguinera_Isla Martillo, Patagonia

Faccia di chi ha visto un pinguino per la prima volta – isla Martillo, Patagonia

Qualora doveste visitare anche Iguazù, considerate vestiti waterproof estivi per Novembre (mese di piogge tropicali), e attrezzatura per sole che spacca le pietre e umidità altissima sia per questo mese che per il resto della loro estate.

Buenos Aires_Plaza de las Naciones Unidas

Buenos Aires a Novembre

E com’è la temperatura in Antartide? Come vestirsi? Come ho scritto nella sezione “Quando andare in Antartide“, la temperatura durante l’estate australe ruota attorno allo zero sulla penisola, e visto che il 95% dei viaggi avvengono lì, parliamo del bagaglio per questo tipo di viaggio.
Viaggio in Antartide: come vestirsi
Gli stivali di gomma alti fino al ginocchio, con suola adatta a fare trekking sulla neve, sono indispensabili: una volta scesi dallo zodiac ci si immerge in acque antartiche per salire a riva. Vi lascio il link per comprare un modello ad hoc: mio marito ha acquistato quelli della Viking e si è trovato benissimo.

Stivali di gomma imbottiti - come vestirsi in Antartide

Stivali di gomma imbottiti (modello da donna) – come vestirsi in Antartide

Pantaloni in Gore-tex. Risparmiare su questo articolo significherebbe girare con le gambe bagnate in Antartide. Questi pantaloni impermeabili della Berghaus rappresentano un potente guscio esterno e vanno messi sopra agli stivali.

 

Giacca impermeabile e antivento. Io per l’occasione ho comprato una giacca della Patagonia, (vedi sopra), mentre mio marito una della North Face, entrambe con imbottitura removibile in modo da usare la stessa giacca in più occasioni.
Lo scaldacollo e i calzini in lana merino, gli eventuali scaldini, l’intimo termico e il layer intermedio, sono gli stessi di cui parlo in questo post sull’Artide, sebbene prepararsi all’Antartide sia ben diverso:

Visitare l'Antartide
Occhiali da sole, meglio se polarizzati. Io non sarei riuscita neanche a tenere gli occhi aperti senza i miei occhiali: il bianco è davvero abbagliante! Ogni tanto dovevo toglierli per scattare foto e rischiavo continuamente di farli volare via: per questa evenienza meglio occhiali che si fissano, come quelli da ciclismo o da sci.
Bardati alle isole Shetland del Sud (Antartide)
Crema solare. Non parlo solo per chi come me è “bianco lapide”: è consigliata da tutte le guide e i T.O. specializzati.
Abbigliamento casual per la nave. Teoricamente potreste indossare anche un vestitino e scarpe di tela all’interno, ma, finchè c’è luce, meglio avere il base layer addosso e scarpe invernali: così sarete sempre pronti a scattare fuori per immortalare orche e balene! Le cuffie per isolarsi da porte e oggetti che sbattono, sono un accessorio che avrei voluto durante il Drake Passage: leggete la sezione dedicata anche per sapere cosa portare per il mal di mare.
Dusky dolphin

Guide e libri da leggere per prepararsi all’Antartide

Alla Boutique del Libro di Ushuaia c’è una vasta scelta di libri e guide a tema, ma sicuramente è meglio iniziare a prepararsi prima di raggiungere la Terra del Fuoco.

Testi in inglese

Bradt Antarctica, A Guide to the wildlife. Questo libro sulla fauna antartica è davvero piacevole e ben fatto, e basterebbe il solo nome degli autori per fidarsi: Tony Soper e Dafila Scott, che sono rispettivamente un naturalista conduttore di programmi per BBC e National Geographic, e una zoologa nipote dell’esploratore antartico R. F. Scott.
"Bradt
La Lonely Planet dell’Antartide. Copre anche le aree più remote ed è ricca di consigli pratici. Utile anche il capitoletto su Ushuaia, punto di partenza del 90% delle spedizioni. Immancabile per prepararsi all’Antartide!

Lonely Planet -Guida sull'Antartide (Disponibile solo in inglese)

Lonely Planet – Guida sull’Antartide (Disponibile solo in inglese)

Antarctic Peninsula: A Visitor’s GuideQuesto libro, davvero ben fatto, è un testo conoscitivo più che organizzativo.

South: The Endurance Expedition. Il diario dell’esploratore Shackleton scritto durante la sua più celebre impresa. Disponibile sia come cartaceo che in formato kindle. Un altro libro su questa spedizione è “Endurance: Shackleton’s Incredible Voyage”, ma qui c’è l’intervento dello scrittore Alfred Lansing che reinterpreta i diari di questi eroi in chiave romanzo di avventura. Disponibile sia come cartaceo che in formato kindle.

Ernest Shackleton, South (Diario dell'esploratore) - Libri di viaggio sull'Antartide

Ernest Shackleton, South (Diario dell’esploratore) – Libri di viaggio sull’Antartide

Mappa dell’Antartide – Antarctic Explorer Map. Una cartina pieghevole in scala 1 : 2 750 000 per la zona della Penisola Antartica e scala 1 : 12 250 000 per il Continente, per una dimensione totale di 100 x 69 cm. Si trova sempre su Amazon.

Mappa sull'Antartide - cartina della penisola e del continente per iniziare ad orientarsi!

Mappa dell’Antartide – cartina della penisola e del continente

Testi in italiano

Diari Antartici di Robert F. Scott, Ernest Shackleton ed Edward A. Wilson. Testo appassionante per rivivere tutti quei momenti che hanno portato gli esploratori alla conquista del Polo.
"Diari
Shackleton in Antartide (Libro fotografico). Questo libro tratta l’epica spedizione Endurance (1914-1917) tramite le fotografie di Frank Hurley.

Libri per un viaggio in Antartide

Shackleton in Antartide, libro fotografico

Film, serie e documentari sull’Antartide

Documentari

Frozen Planet. Una strepitosa serie della BBC con la voce narrante di David Attenborough.

La Marcia dei Pinguini (La Marche de l’empereur). Documentario approfondito sui pinguini imperatori diretto da Luc Jacquet.

Encounters at the End of the World. Il regista Werner Herzog si è recato in Antartide e ha documentato la vita nella stazione McMurdo al Polo Sud, e sull’isola di Ross e dintorni.

Film per prepararsi all’Antartide

Shackleton (2002) Un ottimo film sulle gesta del più famoso esploratore del continente bianco, interpretato da un fenomenale Kenneth Branagh. Durante il mio viaggio in Antartide l’ho visto “in versione 4D”: sia le onde sullo schermo che quelle fuori dalla nostra nave erano inenarrabili.

Storm, di Warren Miller (2002). Un altro film a tema, che però non ho visto. È focalizzato sull’attraversamento della South Georgia da parte di Shackleton.

Serie sull’Antartide

Atypical. Un’adorabile serie su Netflix che tratta di un ragazzo autistico appassionato di Antartide, con continue citazioni sul continente bianco. In questo caso la tematica polare è marginale, ma consiglio questa serie a prescindere, in quanto divertente e profonda allo stesso tempo.


Qualora aveste altri film o libri sull’Antartide da consigliare, sono tutta orecchie.
A presto con altri reportage polari,
Valeria