DUE GIORNI A REYKJAVíK


INDICE


Due giorni a Reykjavík, la capitale più a Nord del mondo

Reykjavík è la capitale più settentrionale del mondo, un posto dall’atmosfera particolare, soprattutto per un italiano che vive circa 30 paralleli più a Sud.

Sólfar - Reykjavík in due giorni

Sólfar – Reykjavík in due giorni

Questa città ha una superficie molto ridotta, e solitamente segna solo l’inizio e la fine dei viaggi in Islanda, dato che quasi tutti i viaggiatori vengono fin quassù per la natura ancestrale dell’isola. Comprensibilissimo, ma per me Reykjavík costituisce una tappa fondamentale per scoprire la cultura islandese. La loro capitale ha solo 200.000 abitanti, ma se pensate che tutta l’Islanda – che è grande circa come tutto il Nord Italia – ne conta circa 350.000, capirete perché è una meta imprescindibile per scoprire questo fantastico popolo. Dopo aver esplorato il resto dell’Islanda, qui vi sembrerà di stare in una metropoli, l’unica metropoli dall’aria pura. L’impressione non è data soltanto dal confronto con la natura selvaggia appena fuori città, ma anche dall’incredibile concentrazione di artisti, e dalla vivace vita notturna che vi troverete.

Su questo mini diario – risalente al primo viaggio in Islanda – ho raccontato i miei primi due giorni a Reykjavík:

L’incredibile luce estiva perenne

A metà agosto abbiamo trovato 22-23 ore di luce al giorno, (e circa 8° come temperatura media), ma se ci fossimo andati verso giugno-luglio, neanche l’avremmo visto tramontare.
Il fatto che alle dieci di sera sia ancora giorno, potrebbe farvi perdere di vista l’orario effettivo, proprio come è successo a noi, che volevamo salire fin sopra la chiesa principale per ammirare la città dall’alto, ma siamo arrivati ben oltre l’orario di chiusura.

Tramonto islandese: 8 agosto, ore 23.00 | Visitare Reykjavik

Tramonto islandese: 8 agosto, ore 23.00 –  Visitare Reykjavík

Trovare qualche attrazione chiusa, con un cielo così, non è certo un dramma! Inoltre, quando il clima è dalla vostra parte, camminare per le vie centrali della capitale islandese è comunque un piacere.

Hallgrímskirkja - Visitare Reykjavík in due giorni

Hallgrímskirkja – Visitare Reykjavík in due giorni

Le suggestive vie di Reykjavík

Passeggiare per Reykjavík per me è davvero un’esperienza unica, non solo per le sue deliziose casette colorate in lamiera, così lontane dall’architettura dei nostri climi, ma anche per le vetrine, altrettanto particolari per chi viene dai paesi latini.

Lopapeysa, i tipici maglioni islandesi

Lopapeysa, i tipici maglioni islandesi

Dati i prezzi, più che shopping, in questa città ho fatto window-shopping: difficile non rimanere a guardare opere degli artigiani dell’isola, articoli che richiamano la mitologia norrena, o bellissimi maglioni di produzione locale, (i lopapeysa) che riscaldano l’atmosfera delle vie principali della città.

Visitare Reykjavik in due giorni

Un atelier a Reykjavik: “CHIUSO – A meno che non vogliate farci aprire voi!”

La prima cosa che mi è saltata all’occhio è che qui non c’è la moda Primavera/Estate e Autunno/Inverno, ma c’è solo la collezione Inverno/ Oltre la barriera. (Chi conosce Game of Thrones, capirà!)

Moda Islandese da Ottobre a Marzo | Visitare Reykjavik

Collezione “Oltre la barriera” – Moda Islandese da Ottobre a Marzo (da aprile a settembre hanno più stile).  | Visitare Reykjavík

I musei ‘vichinghi’ in Islanda (norreni, per essere precisi)

Avrei proseguito volentieri la mia scoperta di Reykjavík negli angoli periferici della città, piuttosto che nei musei, ma il mio ragazzo ci teneva particolarmente a visitarne uno sulla storia norrena. Abbiamo quindi optato per questa esperienza, ma abbiamo scelto forse il peggiore che la città offre, facendoci ingannare da un nome altisonante come “Il museo delle saghe”. A parte le illuminazioni quasi caravaggesche, è stata una delusione totale. L’unico motivo che abbiamo trovato per dare un senso al biglietto, è stato quello di poter indossare dei vestiti medioevali alla fine della visita: armature, spade e tante piccole cose che hanno migliorato la giornata a dei bambini come noi.
Non contenti, l’ultimo giorno abbiamo finalmente trovato il museo giusto: l’ “871 +/-2 “. Questo nome ingannevole ha in realtà un senso, in quanto corrisponde con l’inizio della colonizzazione dell’isola da parte dei norvegesi, che è databile con un’incertezza di +/-2 anni, appunto. A differenza dell’altro museo, era davvero ben fatto, sia dal punto di vista dei contenuti, che a livello di allestimenti e comunicazione interattiva. All’interno di questo spazio, che si trova in corrispondenza degli scavi di un’abitazione norrena, si ripercorre la storia islandese, le usanze, e i modi di abitare, in un connubio perfetto tra archeologia e tecnologia.

Travestimenti al Saga Museum (Museo delle Saghe) - Visitare Reykjavik

L’avvistamento balene a Reykjavík

Per saperne di più sulle balene islandesi e sul resto della fauna, ho scritto questo post:

Mentre i musei da queste parti sono un’attrazione che va a braccetto con il mal tempo, il Whale Watching è esattamente l’opposto: l’imprevedibile meteo islandese potrebbe farvi annullare l’escursione. Noi siamo comunque riusciti a partire dal porto, ma in tre ore non abbiamo visto assolutamente nulla, a parte l’Oceano a largo, che comunque ha il suo fascino.

Fortunatamente, in caso di mancato avvistamento, con la Elding vi è la possibilità di fare una seconda escursione gratis entro due anni, quindi, nel giro di una settimana abbondante, abbiamo approfittato della nostra seconda chance. Neanche questa volta si può dire che le balene si siano palesate, o meglio, siamo riusciti solo a vedere una parte di coda in lontananza, ma, in compenso, abbiamo visto dei delfini e abbiamo avuto un incontro molto più ravvicinato con i puffin qui, piuttosto che sulle isolette di Vestmannaeyjar, posto in cui vivono milioni di questi splendidi volatili, conosciuti in italiano come pulcinella di mare.

Whale watching: facciamo un' escursione in mare aperto per vedere le balene, e avvistiamo dei bellissimi puffin! - Visitare Reykjavik

Whale watching: facciamo un’ escursione in mare aperto per vedere le balene, e avvistiamo dei bellissimi puffin! – Due giorni a Reykjavík

Questi meravigliosi uccelli sono avvistabili rigorosamente d’estate e ad alte latitudini. Ne ho scritto qui: Puffin in Islanda: dove e quando vedere i pulcinella di mare. Mappa e curiosità
Nella prima visita fugace della città, avevo già imparato che:

  • In Islanda se vuoi sapere che ore sono devi fidarti solo dell’orologio, e non del cielo.
  • I vestiti che prima di venire qui, consideravo “anti-pioggia” e “anti-vento”, loro li usano come pareo.
  • I musei hanno un nome fuorviante.
  • Alla natura non si comanda, e sarà lei a determinare il programma della vostra giornata.
Café Babalú - il mio bar preferito a Reykjavík

Café Babalú – il mio bar preferito a Reykjavík!

Tra repliche di whale watching, e visite ai musei sbagliati, di tempo per visitare Reykjavík non ce ne era rimasto poi molto, quindi, ancora una volta, ho trovato una scusa per tornare in Islanda.
Vorrei vivere la capitale anche in inverno, per poter pattinare su un lago ghiacciato e per poter rivedere la luce danzante dell’aurora boreale.

Visitare Reykjavík: il Lago Tjörnin in una sera d'estate.

Due giorni a Reykjavík: il Lago Tjörnin in una sera d’estate.


 AGGIORNAMENTO 2018. Dalla prima stesura di questo post, ho avuto modo di tornare a Reykjavík. Nel mio ultimo viaggio ho avuto le stesse identiche impressioni, a parte il fatto che ora è molto più turistica, e che stanno spuntando cantieri ovunque. Spero che il suo fascino rimanga immutato.


Visitare Reykjavík in due giorni: informazioni pratiche

Devi noleggiare un’auto per girare l’isola? Inserendo il codice sempre valido #BlueVale su Blue Car Rental, si ottiene il 5% di sconto per l’autonoleggio: è un’offerta per i miei lettori!

In caso non abbiate la macchina, qui potete prenotare il servizio di trasporto da/per l’aeroporto.

Dove alloggiare a Reykjavík

Una tipica casetta in lamiera, dotata di cucina per risparmiare sui pasti fuori, per noi è stata la scelta perfetta. Il concetto di alloggio da favola qui più che mai è relativo, non lo associo agli hotel da mille e una notte degli Emirati Arabi, ma ad una semplice dimora con il fascino che solo le cose autentiche possono avere. In un posto in cui l’inverno è la stagione prevalente, sia le caffetterie che gli alloggi non posso che essere dei posti super accoglienti. In questo caso non era uno spazio allestito per il turista, ma era proprio la tipica casa di un islandese, con i suoi libri, il suo formidabile stereo, e con tutto l’occorrente per godersi la vita casalinga quando fuori c’è la bufera.

Lago Tjornin, Reykjavík – ©Beatrice Roat

Avendo solo due giorni a disposizione, una zona centrale è senza dubbio la soluzione migliore. Questo alloggio si trova vicino al porto ed ha un ottimo prezzo, se avete almeno altre tre persone con cui condividerla. L’appartamento lo trovate su Airbnb, ma vi assicuro che dal vivo è meglio che in foto. Dato che di sistemazioni economiche in Islanda ce ne sono poche, va prenotato con esagerato anticipo per assicurarsi un posto in altissima stagione; prenotando a questo link riceveremo entrambi un buono Airbnb da 25€ per il passaparola!

Reykjavik in due giorni - Hamborgarafabrikkan

Consigli per visitare Reykjavík in low cost

Sono tutti racchiusi in questo mio articolo:

Valeria


Ti interessa l’Islanda? Inizia da qui: “Come organizzare un viaggio in Islanda in fai da te”