Mare ghiacciato in Svezia: trekking e pattinaggio sul Golfo di Botnia ©Edoardo Miola

Indice interattivo
Trekking e ciaspolata sul Golfo di Botnia
Pattinaggio sul Mar Baltico ghiacciato
Quando andare
Come capire se il ghiaccio è stabile
Abbigliamento e attrezzatura

Mare ghiacciato in Svezia: sul Golfo di Botnia si può pattinare e fare trekking!

Una delle esperienze più incredibili fatte in Lapponia Svedese in inverno, (ma azzerderei anche “nella vita”), è stata quella sul mare ghiacciato. Con le ciaspole ai piedi, abbiamo fatto un bellissimo trekking sul Mar Baltico, ma un giorno solo non ci ha saziati.

Mare ghiacciato in Svezia: trekking sul Golfo di Botnia

Il Golfo di Botnia ghiacciato sembra un altro pianeta – Svezia Nord

Dopo aver raccolto tutte le informazioni necessarie, sono tornata in un altro angolo di mare per realizzare il sogno di ogni pattinatore: far scivolare le lame sul mare ghiacciato!
Tutto questo è stato possibile dato che ci trovavamo a circa -20°C, sull’insenatura che il Mar Baltico disegna tra Svezia e Finlandia: il Golfo di Botnia.

Mare ghiacciato in Svezia: trekking e ciaspolata sul Golfo di Botnia

In una gelida mattina di Febbraio, (tiepida per i canoni lapponi), con una temperatura che oscillava tra i -15° e i -20°, siamo quindi partiti da Skellefteå in compagnia della nostra guida Peter, raggiungendo il Golfo di Botnia nel giro di una mezz’oretta di macchina. Una volta arrivati ci ha fornito ciaspole, racchette ed uno scaldacollo di cotone della sua Swenature (branding: you are doing it right!).
Prima di raggiungere lo splendido scenario del mare ghiacciato, facciamo quindi un brevissimo trekking in mezzo al bosco: terminata la foresta di larici, betulle e abeti, sbuchiamo letteralmente su un altro pianeta.
Prima di raggiungere lo splendido scenario del Mar Baltico ghiacciato, facciamo quindi un brevissimo trekking in mezzo al bosco: terminata la foresta di larici, betulle e abeti, sbuchiamo letteralmente su un altro pianeta.

Mare ghiacciato in Svezia (Golfo di Botnia)

Mare ghiacciato in Svezia (Golfo di Botnia)

Esattamente come quando abbiamo esplorato la laguna glaciale in Islanda, l’esperienza è stata pazzesca, sia per la bellezza del posto che per ciò che abbiamo imparato sugli effetti del riscaldamento globale. Questa è una tematica che mi sta particolarmente a cuore, e venire a conoscenza di quanto la superficie ghiacciata si riduca ogni anno, e di come diventi sempre più instabile, fa davvero venire il magone.

Mar Baltico ghiacciato, (Golfo di Botnia, Lapponia Svedese)

Mar Baltico ghiacciato, (Golfo di Botnia, Lapponia Svedese)

Peter ci racconta che in inverno di solito ghiacciano i 2/3 del Golfo di Botnia, mentre quest’anno solo 1/4.  Ci dice inoltre che durante l’era glaciale (conclusasi 10.000 anni fa), il ghiaccio era spesso 4 km e ricopriva 1 kmq di superficie, abbassando il livello del mare con il suo peso: ora che il ghiaccio è più sottile e leggero, il livello del terreno si alza quasi 1 cm all’anno tendendo a tornare al livello originario.

"Sulla luna c'è vita" - Mare ghiacciato in Svezia

“Sulla luna c’è vita” – Mare ghiacciato in Svezia

Qui sul Golfo di Botnia non si vede nè sente anima viva: questa zona è stata abitata da pescatori da circa 200 anni, ed ora ci sono case vacanza degli svedesi, il cui numero a malapena raggiunge le dita di una mano.

Mare ghiacciato in Svezia: trekking sul Golfo di Botnia ©Swenature

Mare ghiacciato in Svezia: trekking sul Golfo di Botnia ©Swenature

Dopo questo trekking emozionante e istruttivo, Peter prepara il pranzo accendendo il fuoco sul ghiaccio. Il pasto classico sarebbe a base di renna con patate e mirtilli rossi tipici della Svezia, ma chiedendolo con anticipo si può avere un pranzo per chi non mangia carne o ha intolleranze specifiche.

Pranzo sul mare ghiacciato attorno al fuoco, un'esperienza ancestrale Visit Skelleftea

Pranzo sul mare ghiacciato attorno al fuoco, un’esperienza ancestrale. ©Visit Skellefteå

Il banchetto finisce con un caffè caldo e con un ritorno alla base. Pranzare sul mare ghiacciato attorno al fuoco è stata proprio la ciliegina – anzi il lingonberry – sulla torta, che ci ha fatto assaporare la vita lappone fino in fondo.

Mare ghiacciato in Svezia: pattinaggio sul Golfo di Botnia

Ora veniamo a quei 40 minuti che da soli sono valsi il viaggio, per cui non smetterò mai di ringraziare il Lantliv Lodge per averlo reso possibile: la mia pattinata sul Mar Baltico!

Pattinare sul mare ghiacciato in Svezia (Golfo di Botnia)

Pattinare sul mare ghiacciato in Svezia (Golfo di Botnia) – ©Davide Pianezze

Sul tratto di mare ghiacciato in cui siamo andati con Peter, si poteva camminare solo con le ciaspole; per pattinare mi sono fatta suggerire da lui un’altra zona ad hoc, che in quel periodo presentava delle condizioni perfette per realizzare il mio sogno: la costa di Kåge.

Tutone che blocca i movimenti; crepe sotto ai piedi; fischietto e punteruoli in caso di rottura del ghiaccio; l'anfora incrociata peggiore di sempre e la pattinata più emozionante di tutti i tempi. ©Davide Pianezze

Tutone che blocca i movimenti; crepe sotto ai piedi; fischietto e punteruoli in caso di rottura del ghiaccio; l’anfora incrociata peggiore di sempre e la pattinata più emozionante di tutti i tempi. ©Davide Pianezze

Per questa esperienza non esistono escursioni: io mi sono portata i pattini da casa, sperando di trovare appunto qualche esperto locale pronto a rassicurarmi sulle condizioni del ghiaccio, e poi abbiamo raggiunto questo altro angolo di paradiso in macchina (dintorni di Skellefteå).

Io che pattino sul Mar Baltico ghiacciato ©Edoardo Miola

Io che pattino sul Mar Baltico ghiacciato ©Edoardo Miola

Quando andare per fare trekking (o pattinaggio) sul mare ghiacciato in Svezia?

Ecco la risposta della nostra guida:
“Come saprete il ghiaccio si forma in periodi diversi ogni anno: dipende dal vento e dalla temperatura. Se l’autunno è caldo e ventoso, il ghiaccio tarderà a comparire; a novembre inoltrato solitamente ci si può camminare, ma lo scorso anno perfino a dicembre era instabile.  A gennaio lo strato di mare ghiacciato era molto sottile ed abbiamo dovuto aspettare febbraio per raggiungere un buona consistenza, sebbene in alcune zone tendesse a sciogliersi e a ri-solidificarsi.”

Mar Baltico ghiacciato, Svezia del Nord

Mar Baltico ghiacciato, Svezia del Nord

“Quando ero piccolo la temperatura era più stabile e nei giorni caldi gli inverni non superavano mai lo zero, cosa che invece sta accadendo ora, anche se sporadicamente. Il cambiamento climatico sta diventando un problema anche per il mio lavoro.”
Meglio andare il prima possibile quindi, vista la precarietà delle zone artiche e sub-artiche, e tra dicembre e febbraio sul Golfo di Botniaper godersi questo spettacolo. 

Mare ghiacciato in Svezia: trekking sul Golfo di Botnia

Mar Baltico ghiacciato in Svezia: il paradiso dei fotografi

Come capire se il ghiaccio è stabile?

Poesia lappone. Una casetta solitaria, betulle, ed un lago ghiacciato su cui è appena passata una motoslitta.

Poesia lappone. Una casetta solitaria, betulle, ed un lago ghiacciato su cui è appena passata una motoslitta.

Qui in Lapponia Svedese ho imparato che ci sono vari aspetti che concorrono alla stabilità del ghiaccio, come il colore, la texture, lo spessore, la temperatura e le sue variazioni nell’arco giornaliero e stagionale; anche la composizione chimica fa la differenza: il mare è nettamente meno stabile, non solo per la sua estensione ma anche per la salinità dell’acqua. Questi parametri naturalmente sono relativi sia alla quantità che alla distribuzione del carico che il ghiaccio dovrà sostenere.

Mare ghiacciato in Svezia del Nord - Golfo di Botnia

Mare ghiacciato in Svezia del Nord

Per decodificare tutte queste informazioni serve quindi la conferma di un esperto del luogo. Peter ci ha insegnato inoltre che quando il ghiaccio presenta tante sagome giustapposte, vuol dire che si è sciolto e ri-ghiacciato più volte, come nella lastre con contorno bianco in basso a sinistra: perfette per uno scatto, ma non per metterci i piedi!

Mare ghiacciato in Svezia (Golfo di Botnia) – ciaspolata alla scoperta del ghiaccio in tutte le sue meravigliose formazioni

Nei negozi di sport lapponi vendono anche dei bastoni per testare le condizioni del ghiaccio, ma non essendo esperta in questo senso ho preferito avere la rassicurazione di una guida locale: la mia unica ancora di salvataggio erano dei punteruoli da usare in caso di rottura del ghiaccio sotto le lame, con tanto di fischietto appeso. È consigliabile inoltre avere almeno altre due persone con sè, ed indicare il posto in cui si va, in modo da non essere dati per dispersi: solo il 2% della Lapponia Svedese è abitata, il resto è landa deserta o foresta!

Il mio mare ghiacciato era coperto completamente da neve: si scivolava a malapena, ma questo strato era indice di maggiore stabilità visto che la neve agisce come isolante.

Il mio mare ghiacciato era quasi completamente coperto di neve!  ©Davide Pianezze

Quanto dovrebbe essere spesso il ghiaccio per essere considerato sicuro, e di che colore dovrebbe essere?

Come già detto sopra, questi sono solo due dei parametri da prendere in considerazione, e non sono autosufficienti.
Spessore. Per quanto riguarda quest’area della Lapponia Svedese, se il ghiaccio è spesso circa 15 cm ci si puòandare con i pattini, e con 45 cm anche in motoslitta o addirittura in macchina.

Pattinaggio sul mare Ghiacciato in Svezia (Golfo di Botnia, Lapponia)

Il ghiaccio non è spesso ovunque allo stesso modo

I dati di wikihow, applicati anche a superfici più sicure di quella marina, e a posti dove il freddo è ancora più costante, sono invece questi:

  • 10 cm – adatto per pescare, sciare, pattinare e camminare (ca. 90 kg)
  • 12 cm – adatto per una singola motoslitta o quod (ca. 360 kg)
  • 20 – 30 cm – adatto per una macchina e per un gruppo di persone (ca. 680 – 910 kg)
  • 30 – 38 cm – adatto per un piccolo camion o furgone
Trekking e pattinaggio sul mare ghiacciato in Svezia del Nord (Golfo di Botnia)

Testare le condizioni del ghiaccio

Colore. A questo proposito esiste il detto:
Thick and blue, tried and true; thin an’ crispy way too risky
(“Spesso e blu, testato e affidabile; sottile e increspato, piuttosto rischioso”). Il ghiaccio scuro è quello che tende a sciogliersi o che si è appena formato, viceversa quando è chiaro e tendente al blu tende ad essere più denso e stabile.
Trekking e pattinaggio sul mare ghiacciato in Svezia (Golfo di Botnia)

Il colore non basta da solo come indicatore della sicurezza del ghiaccio, ma se è di un blu tendente al chiaro, è già un buon segno.

Come vestirsi per pattinare sul mare ghiacciato in Svezia (o per un semplice trekking)

Bisogna attrezzarsi bene. Ne ho parlato nell’articolo: “A caccia dell’aurora boreale: abbigliamento e attrezzatura fotografica

Attrezzatura per pattinare sul mare ghiacciato

Copripattino in neoprene – attrezzatura per pattinare sul lago (o mare) ghiacciato

Vivendo in una metropoli, tra lo strombazzare dei clacson, l’inquinamento e la sovrappopolazione, questa meta rispecchia decisamente il mio ideale di paradiso: ho già i pattini in valigia per il prossimo inverno. Se anche voi vorreste fare un viaggio in Lapponia Svedese, un viaggio di quelli freddi che scaldano l’anima, potete chiedere informazioni al Lantliv Lodge, tranquillamente in italiano visto che i gestori sono nostri connazionali! Un posto consigliatissimo non solo per la facilità di comunicazione e per la splendida location, ma anche e soprattutto per i gestori: Edoardo, fotografo, architetto e guida locale tuttofare vi farà conoscere la Lapponia più autentica e vi porterà al posto giusto al momento giusto.

La natura incontaminata attorno al Lantliv Lodge, la nostra casa in Lapponia Svedese (Österjörn, Skellefteå)

A presto con altri reportage nordici,
HAVE AN ICE DAY!

Valeria