Curiosità sull’Islanda e sugli islandesi – Ram Groping


“Ogni volta che penso di aver qualcosa di compiuto da dire sugli islandesi, mi scontro con un paradosso. Il bisogno d’indipendenza vs la necessità di essere legati. Le persone più felici della Terra vs quelle che consumano più anti-depressivi nei Paesi Nordici. Viaggiatori e mondani versus provincialisti senza speranza. Cercare di cogliere la mentalità islandese è come tentare di afferrare un pesce umido a mani nude.”

Alda Sigmundsdóttir, The Little Book of the Icelanders 


20 simpatiche curiosità sull’Islanda e sugli islandesi

Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi - mappa Islanda

Mappa d’Islanda by Christiane Engel

1) In Islanda non ci sono zanzare!

La ragione è il clima estremamente variabile dell’isola: le zanzare in Islanda non hanno tempo sufficiente per concludere il loro ciclo vitale. “Allora perchè in Scandinavia del Nord o in Groenlandia ci sono?” In queste zone artiche le zanzare si ibernano durante l’inverno e riprendono a volare appena si scioglie il ghiaccio: in Islanda a causa dei repentini cambiamenti climatici non fanno neanche in tempo ad incontrare un compagno e a deporre le uova!
Per approfondire vi lascio questo articolo in inglese di icelandmag.

Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi - In Islanda non ci sono zanzare!

In Islanda non ci sono zanzare! – ©Leif Parsons

Verso il Lago Mývatn invece ci sono i moscerini, che, sebbene siano fastidiosi, non sono da temere; sono diffusi principalmente in estate, quando il meteo è un po’ meno instabile e fa meno freddo.

2) I genitori islandesi lasciano i loro bambini fuori a dormire

Quando una mamma va in un bar con le amiche, può lasciare senza problemi il suo bimbo fuori sul passeggino: sa che nessuno lo toccherà e che il piccolo si farà le ossa per il rigido clima dell’isola!

Passeggini islandesi abbandonati - Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi

Passeggini islandesi abbandonati (“Mamma? Hai lasciato per sbaglio il tuo bimbo.”- “Assolutamente No.”)

3) Il numero di pecore che popolano l’isola, è maggiore di quello degli umani

In termini di numeri parliamo di poco più di 350.000 persone, (su una superficie estesa quanto quella del Nord Italia), e di più di 480.000 pecore! (dati del 2016 – statice.is)
Le lasciano girare in solitaria, e le incontrerete nei posti più impensati: le abbiamo persino avvistate su un faraglione in mezzo all’oceano!Pecora islandese_Icelandic SheepOgnuna dietro l’orecchio ha il cartellino di appartenenza, e 1-2 volte l’anno le radunano per ridarle ai rispettivi proprietari, che vi ricavano la famosa lana islandese. Questi simpatici animali sembrano essere davvero indistruttibili; dopo una violenta tempesta di neve di qualche anno fa, circa 2000 pecore mancavano all’appello: una vera tragedia per l’economia locale, ma circa due mesi dopo sono state ritrovate sotto la neve, vive e vegete.
Per saperne di più leggi anche: “Animali in Islanda: quali, dove e quando vederli

Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi: le pecore islandesi sono quasi il doppio degli umani!

Pecore ovunque. Mai souvenir fu più azzeccato.

4) Gli islandesi sono talmente pochi che invece di avere un cognome usano il patronimico

Un maschio di nome Ólafur figlio di Einar, si chiamerà Ólafur Einarsson (letteralmente: “figlio di Einar”); una femmina di nome Helga sempre figlia dello stesso Einar, si chiamerà invece Helga Einarsdóttir,  ovvero “figlia di Einar”.

Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi: gli abitanti non hanno cognomi ma patronimici!

Curiosità sull’Islanda e sugli islandesi: gli abitanti non hanno cognomi ma patronimici! – immagine tratta da Wikipedia

5) In Islanda esiste un’applicazione per evitare incesti accidentali, data l’elevata possibilità di parentela tra i pochi abitanti dell’isola

L’Islendiga-App, la “applicazione degli islandesi”, è uno strumento che emette un allarme ogni volta che ci si avvicina a qualcuno strettamente correlato. A quanto pare la usano e come!

Íslendinga-App SES - Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi

Íslendinga-App, la “applicazione degli islandesi” che viene usata in Islanda per evitare incesti accidentali – Curiosità sull’Islanda e sugli islandesi

6) Gli alberi sono una rarità, e quei pochi sono minuscoli!

Da questa curiosità ne discendono molte altre, come il fatto che in Islanda ogni anno si elegge “l’albero più bello” o che uccelli come le sterne artiche depongono le uova per terra: attenti a non scatenare la loro ira avvicinandovi ai loro nidi!
Un famoso detto islandese la dice tutta:

“Come si fa ad uscire da una foresta in Islanda?” Basta alzarsi in piedi.”

Prima che i norvegesi deforestassero l’isola, (fine ‘800), l’Islanda aveva una quantità di boschi non indifferente (nell’ordine del 25-40% dell’intera superficie). Gli alberi non furono ripiantati, e tra eruzioni vulcaniche ed erosioni nel vento, nel giro di un secolo le foreste scomparvero. Piano piano stanno comparendo piantagioni di nuovi alberelli, ma l’ostacolo maggiore alla crescita è dato dalle pratiche agricole: le pecore sono libere di andare ovunque e brucano tutti i germogli possibili. L’unica specie nativa ad alto fusto è la betulla nana, che prima della colonizzazione copriva circa il 30% dell’isola.  Queste però impiega troppo a crescere e si sta puntando su conifere e altre specie importate.

Oltre al bosco fuori dalla capitale, abbiamo Skorradalsvatn nell’Islanda Ovest, ma soprattutto Ásbyrgi e Hallormsstaðaskógur a Nord-Est: quest’ultima è la più estesa foresta islandese. Entro il 2100 è previsto un aumento delle aree verdi che va dal 2 al 12 per cento.

7) In onore del film Star Wars, a Reykjavík esiste una via dedicata a Darth Vader

Il suo nome islandese è Svarthöfði.

Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi: a Reykjavík esiste una via dedicata a Darth Vader!

Curiosità sull’Islanda e sugli islandesi: a Reykjavík esiste una via dedicata a Darth Vader! – ©Nutiminn.is

8) Un tempio dedicato all’antica religione vichinga è in costruzione: sarà il primo tempio pagano dall’anno 1000!

In Islanda circa 3600 persone stanno riscoprendo l’Ásatrú, culto legato a Odino e alla divinità norrene abbandonato nell’anno 1000 in favore del Cristianesimo. Il completamento del tempio è previsto per fine 2018, sarà realizzato sul colle Öskjuhlíð a Reykjavík e avrà una capienza di 250 persone. Qui la mia fonte islandese

A Reykjavík stanno costruendo un tempio dedicato a Odino! - Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi

A Reykjavík stanno costruendo un tempio dedicato a Odino! – ©dailybeast.com

9) In Islanda non aspettano Babbo Natale, bensì gli Jólasveinar

Tredici simpatici folletti che dal 12 al 24 dicembre scendono uno alla volta dalle montagne per combinare dispetti alla popolazione.

Negozio del Natale di Reykjavík - curiosità sull'Islanda e sugli islandesi

Al negozio del Natale di Reykjavík

10) La lingua islandese, (quasi identica all’antico norvegese), è rimasta praticamente invariata rispetto al Medioevo

La loro lingua non ha subito influssi in quanto gli abitanti sono stati isolati in mezzo all’Oceano Atlantico per secoli. Questo significa che gli islandesi contemporanei possono comprendere perfettamente le saghe medioevali!

Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi: la lingua è rimasta pressochè invariata dal medioevo

Gli islandesi contemporanei possono comprendere perfettamente le saghe del XII secolo! ©https://dh.tcd.ie/

Ci sono più persone che parlano esperanto che islandese: forse perfino il klingon è più diffuso, chissà…

11) L’85% dell’energia di questo Paese proviene da fonti rinnovabili: 65% geotermico, 20% idroelettrico  

Alcune vie di Reykjavík sono tenute libere dalla neve grazie agli impianti geotermici sotto il manto stradale!
L’idea mi emoziona non poco, ma si tratta comunque di un lusso raro: per i marciapiedi, il proprietario della casa attigua deve pagare di tasca sua, e i prezzi non sono proprio a buon mercato.

vicino al vulcano Hekla - terra che ribolle - Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi

Terra che ribolle – Guidando verso Landmannalaugar, vicino al vulcano Hekla

AGGIORNAMENTO. La nostra isola del cuore, in seguito al turismo di massa, sta diventando molto inquinata in rapporto al suo numero di abitanti. Qui un articolo del sito “Saving Iceland” sul tema, postato ad agosto 2017.

12) Uno dei cibi peggiori al mondo è made in Iceland: si tratta dell’hákarl, lo squalo putrefatto

Ormai è riservato a turisti che vogliono superare i propri limiti, e fortunatamente non fa più parte della loro dieta alimentare. Da accompagnare con un bicchiere di Brennivín (superalcolico islandese) per riuscire a tollerarne il sapore.


13)
Significato della bandiera d’Islanda e dello stemma di Stato

Adoro l’araldica ed il significato delle bandiere, e credo che questo aspetto diventerà una costante nella mia piccola rubrica dedicata alle curiosità. Il significato della bandiera islandese è raccontato ufficialmente in una legge del 17 giugno 1944, il giorno in cui l’Islanda divenne una repubblica indipendente dal Regno di Danimarca:

La bandiera nazionale civile degli islandesi è blu come il cielo con una croce bianca come la neve, e una croce rosso-fuoco all’interno della croce bianca. Le braccia della croce si estendono fino ai bordi della bandiera.

Bandiera Islanda significato

Questa bandiera venne adottata ufficialmente nel 1915, evidenziando il rapporto tra Islanda e Danimarca, suo dominatore.  Come le altre bandiere dei Paesi Nordici infatti, è caratterizzata dalla cosiddetta croce scandinava (o croce nordica), il cui capostipite fu la Danimarca tra il XIII e il XIV secolo.

Un simbolo più suggestivo e caratterizzante è lo stemma di Stato islandese, anch’esso adottato nel 1944.

Stendardo d'Islanda -Stemma di Stato

Curiosità sull’Islanda: significato della bandiera e dello stemma di Stato

Questo epico stendardo, poggia su una tavola di basalto identificabile con l’intera isola, ed è caratterizzato  dallo scudo nazionale sostenuto dai quattro spiriti guardiani: un drago, un gigante, un toro e un avvoltoio.  Questi quattro personaggi sui generis, in islandesi si chiamano landvættir: secondo la tradizione avrebbero protetto l’Islanda dal re danese Harald, bloccandone un tentativo d’invasione nel X secolo. Gli spiriti guardiani d’Islanda simboleggiano inoltre i quattro punti cardinali: il drago – Dreki – rappresenta l’Est, il gigante – Bergrisi – il Sud, il toro – Griðungur-l’ Ovest,  il grifone (Gammur), il Nord.

14) Pare che più della metà degli Islandesi creda negli elfi: dopo aver visto la potenza della natura di quest’isola, ci crederete anche voi!

Questo popolo si è sempre nutrito di affascinanti saghe e credenze, ed ancora oggi ci sono molte testimonianze del loro legame con elfi, a partire dalle piccole casette colorate nei loro giardini, mirate proprio ad ospitare queste creature nascoste. A Reykjavík da circa 30 anni esiste l’unica “Elf School” del mondo per imparare ogni dettaglio del mondo elfico.  La storia con più impatto mediatico è stata senza dubbio quella del 2013, legata al progetto di nuove infrastrutture: pare che la strada che avrebbe dovuto collegare l’Álftanes Peninsula con Gardabaer sia stata deviata per non invadere il territorio degli elfi.

Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi: casette per gli elfi

Curiosità sull’Islanda e sugli islandesi: casette per gli elfi – ©Beatrice Roat

15) La TV fino alla fine degli anni ’80 interrompeva periodicamente le trasmissioni per favorire l’interazione sociale

Per l’esattezza le trasmissioni – iniziate nel ’66 – venivano sospese di giovedì fino al 1987: si dice che la maggior parte degli islandesi sia stata concepita proprio in quel giorno settimanale, non a caso.
Fino al 1983, inoltre, la programmazione televisiva veniva interrotta anche nel mese di luglio, in modo da viversi a pieno il mese di vacanza.
Ai giorni d’oggi si parla tanto di disintossicazione dai social media e di dieta mediatica, e loro la facevano mezzo secolo fa.

Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi - l'attrice islandese Anita Briem ©coachpotatoclub

Curiosità sull’Islanda e sugli islandesi – l’attrice islandese Anita Briem ©coachpotatoclub

16) L’efficienza degli islandesi si avvicina più a un popolo del Sud che ai cugini scandinavi

In tutti i bar in cui siamo stati ci hanno messo millenni prima di servirci: avere 4 tavoli occupati su 4 mica capita(va) tutti i giorni!
Oltre alla loro piacevole lentezza, l’altro aspetto che mi è saltato all’occhio è stata la loro rilassata improvvisazione: d’altronde se la natura avrà sempre l’ultima parola, mica puoi pianificare la tua vita con un rigore tedesco!

Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi

Curiosità sull’Islanda e sugli islandesi – ©Beatrice Roat

17) In Islanda le discriminazioni legate al genere e ai gusti sessuali sono quasi nulle

L’Islanda è il primo Paese ad avere avuto un primo ministro dichiaratamente omosessuale: (Jóhanna Sigurðardóttir, tra il 2009 ed il 2013), e forse l’unico posto ad aver avuto un sindaco talmente eccentrico da vestirsi da drag al gay pride (Jón Kristinsson Gnarr, sindaco di Reykjavík dal 2010 al 2014).

Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi: discriminazioni quasi nulle! - Gay Pride a Reykjavík

Curiosità sull’Islanda e sugli islandesi: discriminazioni quasi nulle! – Gay Pride a Reykjavík

Anche essere una donna in Islanda sembra più semplice rispetto a tutti gli altri Paesi: qui un recente articolo del Reykjavík Grapewine.

Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi: le donne hanno gli stessi diritti degli uomini

Curiosità sull’Islanda e sugli islandesi: questo è il paese migliore per essere donne!

18) Al Bus Hostel di Reykjavík hanno conservato l’ultimo panino di McDonald’s venduto in Islanda, prima che questa catena di fast food chiudesse i battenti sull’isola

Il panino e le patatine acquistati il 30 ottobre 2009 sono ancora perfettamente intatti: potete osservarlo tramite questa fotocamera live.

 L’ultimo panino di McDonald's venduto in Islanda, ancora intatto dopo 8 anni - Curiosità sull'Islanda e sugli islandesi

L’ultimo panino di McDonald’s venduto in Islanda, ancora intatto dopo 8 anni – Curiosità sull’Islanda e sugli islandesi – © travelandleisure.com

Questo panino ha ormai compiuto dieci anni ed è ancora perfettamente intatto.

19) Gli islandesi hanno scoperto l’America

Sto leggendo un libro molto bello sul tema, che fino ad ora mi sento di consigliare: Saghe della Vinlandia
“Le Saghe della Vinlandia sono i più antichi testi contenenti testimonianze risalenti alle genti che videro per la prima volta con i propri occhi il nuovo mondo. Narrano dei viaggi verso l’America intrapresi da islandesi e groenlandesi intorno all’anno 1000”

Leif Eiríksson, l'islandese che scoprì l'America_curiosità sull'Islanda

Leif Eiríksson, l’islandese che scoprì l’America

20) Gli islandesi hanno il maggior numero di musicisti al mondo pro capite

…sono il popolo più felice al mondo pro capite, sono la popolazione con il più grande numero di scrittori pro capite: gli islandesi sono i campioni del pro capite!

Chi ha detto che i nordici sono freddi e noiosi?

Valeria


Libri sull’Islanda

Ecco un po’ di libri sulla mia isola preferita, dai romanzi ai libricini ricchi di curiosità, dalle guide ai libri fotografici.


Ti interessa l’Islanda?

Inizia da QUI! “Viaggio in Islanda in fai da te: consigli utili”


Devi noleggiare un’auto per girare l’isola?

Inserendo il codice sempre valido #BlueVale su Blue Car Rental, si ottiene lo sconto per l’autonoleggio: è un’offerta per i miei lettori!

Noleggio auto in Islanda a basso costo

Sconto sul noleggio auto in Islanda inserendo il mio codice #BlueVale su www.bluecarrental.is (con tanto di cancelletto e maiuscole!)