Giardino di Palazzo Venezia a Roma – Ultimo aggiornamento: 29/06/2019

Nel cuore di Roma, a pochi metri dal caos urbano, c’è una vera e propria oasi di pace: il giardino di Palazzo Venezia.

Basta varcare uno degli accessi monumentali, ed in pochi secondi i vostri sensi saranno completamente appagati: passerete dal fastidioso rumore dei clacson allo scorrere dell’acqua e al verso dei pappagallini. Nessuna installazione abusiva, solo perfezione e armonia.

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: ingresso su Piazza S.Marco - Roma segreta

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: ingresso su Piazza S. Marco

Rilassarsi in questo cortile rinascimentale è sempre stato un privilegio di chi viveva o lavorava a Palazzo Venezia, ma dall’estate scorsa, dopo un investimento di ben 6 milioni di euro, questo gioiello è stato riqualificato; ora è aperto a tutti, gratuitamente.

Lo splendido giardino di Palazzo Venezia a Roma - il giardino ritrovato

Il cortile segreto: lo splendido giardino di Palazzo Venezia a Roma

Ve lo racconto con ordine:


Il Giardino ritrovato di Palazzo Venezia a Roma

Giardino di Palazzo Venezia a Roma

Storia del giardino di Palazzo Venezia a Roma: destinazioni d’uso nel corso dei secoli

Ecco una noiosa, ma doverosa periodizzazione:
Seconda metà del ‘400. Palazzo Venezia, (detto “S. Marco”), e il suo giardino vengono realizzati per ospitarvi la residenza pontificia. Il primo Papa che beneficiò di questo alloggio fu Paolo II (Pietro Barbo), titolare della chiesa inglobata nell’edificio: la Basilica di San Marco.

Giardino di Palazzo Venezia a Roma:  la "mia" panchina nascosta

Giardino di Palazzo Venezia a Roma:  la “mia” panchina nascosta

Metà ‘500. Il Palazzo viene ceduto alla Repubblica di Venezia, che vi stabilì la propria ambasciata: ecco spiegata la ragione del nome, sia dell’edificio che della relativa piazza antistante.
Fine ‘700. Con la fine della Repubblica di Venezia (1797) l’edificio passa all’Austria, che ne mantiene la sede diplomatica.

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: fontana settecentesca

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: fontana settecentesca

Inizio ‘900 Il Palazzo continua a cambiare proprietario, e passa allo Stato italiano; nel 1916 viene inaugurato il Museo Nazionale di Palazzo Venezia, dove sono tuttora esposte ceramiche, porcellane, dipinti e sculture.
Ventennio fascista. Benito Mussolini lo sceglie come sede del governo (1929-43): il famoso balcone settecentesco da cui teneva i suoi comizi più importanti è proprio in questo Palazzo, orientato verso Piazza Venezia. Il quartier generale nello specifico era nella Sala del Mappamondo, dove la luce non veniva mai spenta, per sottolineare il fatto che il governo non riposava mai.

Palazzo Venezia durante il fascismo - Roma

Comizio di Mussolini dal balcone di Palazzo Venezia – foto di Roma Sparita

Dopoguerra. Il Palazzo si distacca progressivamente dal potere per diventare un luogo completamente dedicato all’arte. Oltre al Museo nazionale di Piazza Venezia, vi hanno sede gli uffici dell’INASA (Istituto Nazionale di Archeologia e Storia dell’Arte), punto di riferimento mondiale del settore, e dal 2014 anche il Polo Museale del Lazio.

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: boschetto di acanti e finto rudere del '700

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: boschetto di acanti e finto rudere del ‘700

Da giugno 2016 ad oggi. Le funzioni del Palazzo sono rimaste le stesse del dopoguerra, ciò che è cambiato è la destinazione d’uso del giardino: negli ultimi 40 anni era stato ridotto a parcheggio degli impiegati, ma, dall’estate scorsa, dopo un certosino lavoro di riqualificazione, il giardino è aperto a tutti. Grazie a questa svolta, ora tutti i cittadini possono godere di questa meraviglia, e non solo nelle ore diurne: nelle sere d’estate si può assistere a spettacoli e conferenze legati al progetto ART City, proprio per accentuare la rinnovata funzione artistica di questo spazio. Da qui il nuovo nome di battesimo: da giardino di Palazzo Venezia a “Giardino Ritrovato“.

Giardino di Piazza Venezia a Roma: il cosiddetto "giardino ritrovato"

Giardino di Piazza Venezia a Roma: il cosiddetto “giardino ritrovato”

Architettura del Giardino di Palazzo Venezia: dal Rinascimento ad oggi

Palazzo Venezia è stato costruito nel primo Rinascimento con il travertino romano proveniente dal Colosseo e dal Teatro di Marcello. La paternità è incerta: gli architetti possibili vanno da Leon Battista Alberti a Bernardo Rossellino; ciò che è sicuro è che l’autore doveva essere uno studioso dell’architettura antica.

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: loggia rinascimentale

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: loggia rinascimentale

Si tratta di un palazzo fortificato con un giardino senza precedenti: è infatti la prima volta che un palazzo del Rinascimento ha uno spazio fulcro, e che gli ordini classici vengono usati in un cortile (il famoso chiostro di S. Maria della Pace viene realizzato da Bramante solo nel 1482). Altre citazioni classiche, tipiche dell’età rinascimentale, si trovano nell’ingresso rivolto verso l’Altare della Patria, dove il soffitto riprende i cassettoni del Pantheon, e nel loggiato, i cui ordini architettonici sovrapposti ricordano gli anfiteatri romani. Lo spazio stesso rimanda all’architettura antica: ricorda infatti il viridarium, un giardino ornamentale tipico dei romani.

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: ingresso con cassettoni del Pantheon

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: ingresso che riprende i cassettoni del Pantheon,  entrando da Piazza S. Marco (ora ridipinto in bianco)

Tutti questi caratteri sono ancora evidenti, ma ci sono state aggiunte e modifiche sostanziali nel corso dei secoli.

La Fontana del Giardino di Piazza Venezia

Nel ‘700 viene aperto l’ingresso su via degli Astalli, ma soprattutto Carlo Monaldi realizza la splendida fontana in travertino al centro del cortile che oggi è la protagonista di questo spazio, sia a livello visivo che uditivo.

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: la fontana del giardino ritrovato

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: la fontana del giardino ritrovato

Questo gruppo scultoreo ribadisce il legame con la Repubblica di Venezia, dato che la donna al centro rappresenta proprio quella città. La statua infatti è stata scolpita con il cappello del Doge, nell’atto stesso di lanciare un anello nell’acqua: un rimando alla Festa veneziana della Sensa, una cerimonia millenaria che rappresenta lo sposalizio tra la città e il mare, risorsa fondamentale per il suo sviluppo. Ai piedi della statua sono scolpite creature mitologiche marine ed un leone, che in questo caso non è un simbolo di potere, ma l’animale sacro a S. Marco, patrono della città. L’intorno della fontana diventerà più verdeggiante a metà ‘800, con l’aggiunta delle siepi di bosso.

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: la fontana settecentesca - Il Giardino ritrovato di Roma

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: sposalizio di Venezia con il mare

Nei primi del ‘900 la conformazione del palazzo cambia ancora. Nel 1909 era in atto la sistemazione di Piazza Venezia in concomitanza con l’inaugurazione dell’Altare della Patria, e si decide di demolire parte del Palazzo, per far spazio al monumento dedicato al Re Vittorio Emanuele II. La forma trapezoidale dell’edificio viene regolarizzata e viene ridotto il numero delle arcate del cortile interno.

Il giardino ritrovato di Palazzo Venezia, Roma

Il giardino di Palazzo Venezia a Roma – Il giardino ritrovato

Nel 1981, (data leggibile sul bordo dell’aiuola) si può iniziare a parlare compiutamente di giardino e non solo di cortile: alle siepi di ortensie e al boschetto di acanti, viene aggiunta l’aiuola su cui sorgono magnolie, pini, e le più alte palme di Roma, alberi gradualmente colonizzati da simpatici pappagallini verdi, i parrocchetti.

I parrocchetti, pappagallini verdi che popolano il Giardino Ritrovato di Piazza Venezia a Roma - foto tratta da Animali Volanti

I parrocchetti, pappagallini verdi che popolano il Giardino Ritrovato di Piazza Venezia a Roma – foto tratta da Animali Volanti

L’ultima aggiunta prima della apertura al pubblico nel giugno 2016, è stata quella della panchine, a cui è legata una curiosità. Questi arredi, insieme ai cestini, portano infatti la targa “Benito”, che non è altro che il nome della ditta spagnola che ha vinto l’appalto. Una coincidenza che forse poteva essere evitata, ma che riporta ancora la memoria di questo luogo.

Giardino di Palazzo Venezia a Roma: panchine targate Benito

Giardino di Palazzo Venezia a Roma – Panchine targate Benito, stessa etichetta che compare sui cestini della spazzatura

Aggiornamenti primavera/estate 2017: nel giardino ci sono i lavori in corso per valorizzare il Polo Museale del Lazio, e nelle aiuole sono comparsi nuovi bellissimi fiori: i lupini (o digitali?) e delle campanule.

Informazioni pratiche per visitare il giardino di Palazzo Venezia, Roma

Oasi di giorno, palcoscenico di sera.
Di giorno apre ad orario d’ufficio e chiude alle 17.30 d’inverno, e alle 18.30 d’estate, (non c’è un orario ufficiale); si può accedere da Piazza San Marco (lato Altare della Patria), da Via degli Astalli e da via del Plebiscito. Questa meraviglia è visitabile gratuitamente.

Giardino di Palazzo Venezia a Roma, entrando da via degli Astalli - Il cortile segreto

Giardino di Palazzo Venezia a Roma, entrando da via degli Astalli – Il cortile segreto

La sera si accede solo per gli spettacoli estivi, abbinati alla visita al Museo. In questo caso l’accesso è di fronte a Palazzo Grazioli, in via del Plebiscito 118. L’anno scorso il palco è stato allestito da giugno a settembre: per il 2019, guardate gli aggiornamenti sul sito del Giardino Ritrovato. Il costo è di 5 euro, posto unico fino ad esaurimento posti, per una capienza di 300 persone.

Il giardino di Palazzo Venezia a Roma: gli spettacoli del giardino ritrovato

Il giardino  di Palazzo Venezia a Roma: gli spettacoli del giardino ritrovato – Foto di www.itmap.it

Regole del giardino di Palazzo Venezia a Roma

Sono tutte norme non scritte. Non ci sono cartelli, ma è un posto in cui stare in religioso silenzio e rilassarsi. Anche se si presterebbe ad un pic-nic, è vietato mangiarci: parola dei custodi del Palazzo.

Come arrivare al giardino di Palazzo Venezia 

Di fronte c’è sia il capolinea degli autobus*, che quello del tram (8), ma considerata la scarsa affidabilità di questi mezzi, prenderei in considerazione solo la metro: la più vicina è la stazione Colosseo.
*Autobus che fanno capolinea: 8, 44, 46, 60, 190, 780, 781, 810, 916. Autobus che fanno solo la fermata a Piazza Venezia: C3, 40, 53, 80, 85, 63, 70, 81, 83, 87, 160, 170, 175, 186, 271, 628, 716, 810.

Anche Jude Law è stato qui: nel giardino di Palazzo Venezia hanno girato

Anche Jude Law è stato qui: nel giardino di Palazzo Venezia hanno girato “The New Pope” !


A questo meraviglioso cortile ci si avvicina sommessamente, temendo che qualcuno possa mandarti via. Dove una volta passeggiavano nobili e pontefici ora troverete pochi visitatori in rispettoso silenzio, intenti ad ascoltare lo scrosciare dell’acqua ed il verso dei pappagallini.

Mi auguro rimanga sempre così.
Valeria



Altre risorse utili per un viaggio a Roma



Questo post fa parte del #ViaggioVirtuale per la Giornata Mondiale dell’Arte ed è patrocinato dall’AIAP, partner ufficiale UNESCO.

Per proseguire il viaggio virtuale nell’arte, ecco altri 11 articoli che partecipano all’iniziativa:
1# Hyperrealism in occasione del The World Art Day
Da Frida Kahlo a Jean-Michel Basquiat, la storia dell’arte è piena di esempi di grandi artisti che hanno raggiunto la notorietà pur non avendo alle spalle una formazione artistica. Oggi vi vogliamo raccontare tre storie di artisti accomunati da due cose: l’essere degli Iperrealisti ed essere autodidatti.
2# L’architettura è arte?
Spesso si identifica la differenza tra l’architettura e l’arte come l’utilità contro la mancanza di essa. L’utilità più alta dell’architettura è quella di muovere qualcosa nel nostro profondo.  
3# La Domenica Leonardiana: una straordinaria occasione di vivere e sperimentare l’arte sulle orme del genio di Leonardo da Vinci
Un appuntamento imperdibile per imparare divertendosi a misura di famiglia e di bambino.
4# Quando l’arte si fonde con luci e colori: itinerario tra opere d’arte a cielo aperto
Itinerario tra le opere d’arte a cielo aperto più belle d’Italia: gli spettacoli e le manifestazioni che uniscono arte, luci e colori
5# World Art Day oggi: il valore della ricerca artistica
Riflessione sul perché sia così importante nella società attuale festeggiare insieme l’arte (oppure sul delicato ruolo della ricerca artistica oggi)
6# [Forlí] Il cinema teatro Apollo dopo 100 anni va in pensione
Nel cuore di Forlì c’è un posto un po’ nascosto, ma che tutti conoscono, che dal 31 marzo 2017 ha chiuso definitivamente i battenti. E’ il Cinema Teatro Apollo – capolavoro del Liberty – che dopo 103 anni va in pensione!

Viaggio Virtuale: 12 articoli che partecipano alla Giornata Mondiale dell’Arte patrocinati da AIAPI

7# Le macchine di Leonardo in mostra
Nella Fortezza Firmafede di Sarzana dal 18 marzo al 1 maggio sono esposte le macchine di Leonardo. Le opere realizzate seguendo i suoi progetti celebrano il genio di questo artista.
8# Con le nuove tecnologie tutti possiamo promuovere l’arte
A giorno di oggi, grazie al mondo digitale tutti possiamo diventare non solo fruitori, ma anche promotori dell’arte. Chi gestisce il patrimonio artistico e culturale è cosciente e sa utilizzare questo enorme potenziale della rete?
9# Arteterapia: esplorare se stessi attraverso l’arte
L’Arte è il mezzo più diretto per comunicare, e leggere, i mondi interiori nascosti in ognuno. Liberarsi all’arte mette in connessione profonda con l’Io, tant’è che esistono dei percorsi che utilizzano i canali artistici per per potenziare l’individuo: si chiama arteterapia, e ve ne parlo proprio oggi che è il “World Art Day.”
10# La Tate Modern di Londra e le sue opere: impressioni di una neofita
L’effetto che si ha appena si entra nella Tate Modern di Londra è dirompente: o la sia ama o la si odia. Per comprendere le opere custodite al suo interno ci vuole un grande lavoro di riflessione, ma non pensate che sia un museo riservato solo agli esperti di arte moderna.
#11 Mamma mi racconti l’arte
E se mia figlia un giorno mi chiedesse di spiegarle cos’è l’arte? Ecco cosa direi.