Cosa vedere a Pescasseroli e dintorni, quando andare e come arrivare –  Aggiornato il 12/08/2020

INDICE
    Cosa vedere a Pescasseroli
    Escursioni da fare e attività sportive (non solo sci!)
  Quando andare a Pescasseroli: estate vs inverno
  Curiosità e leggende
   Dove mangiare a Pescasseroli
 Dove dormire a Pescasseroli
  Come arrivare da Roma

Pescasseroli è un paesino in provincia dell’Aquila che frequento sin da piccola, dato che mia mamma è proprio di lì.

Cosa vedere a Pescasseroli

Cosa fare a Pescasseroli

Cosa vedere a Pescasseroli, cuore del Parco Nazionale d’Abruzzo

Il borgo è sede dell’ente del Parco Nazionale d’Abruzzo e Molise ed è circondato da boschi centenari e montagne selvagge.

Si tratta di un centro medioevale di 2000 abitanti che, con la sua altitudine di 1167 metri, domina l’Alta Valle del fiume Sangro.

Pescasseroli_Luoghi d'interesse

Chiesa dei Santi Pietro e Paolo, Pescasseroli

Il suo nucleo storico – nonché cuore religioso – è la Chiesa dei Ss. Pietro e Paolo (XIV sec.) che custodisce la cosiddetta scultura della Madonna Nera.

Altri luoghi d’interesse sono la chiesa medioevale di Santa Lucia– situata in centro – e la cosiddetta “Fontana degli Orsi” alle porte del paese.

Pescasseroli si visita anche e soprattutto per le escursioni nella natura circostante e per gli eventi folcloristici; tratto entrambi gli aspetti nell’articolo!

Passeggiando nel centro storico troverete vicoli ornati di fiori, negozi di artigianato con deliziosi orologi a cucù, e un’estrema simbiosi tra natura e architettura. Molti edifici sono infatti realizzati in pietra locale, e vi è un largo uso della cosiddetta “pietra gentile”, dal nome della montagna adiacente.

Il borgo di Pescasseroli_Abruzzo

L’integrazione con la natura è tale, che più di una volta sono stati avvistati orsi e animali selvatici in paese. A tal proposito, vi segnalo questo posto:

L’area faunistica del Parco Nazionale d’Abruzzo (non chiamatelo zoo!)

L’area faunistica del Parco è spesso definita come “un piccolo zoo in cui gli animali sono liberi e felici”, ma è soprattutto uno spazio in cui l’uomo si prende cura di loro a tutti gli effetti.

Qui infatti vi è solo la fauna locale che non è più in grado di vivere da sola in natura, e che necessita dell’aiuto dell’uomo.

Orso marsicano_Pescasseroli_Abruzzo

Molti anni fa vi erano il capriolo, il barbagianni, la civetta, l’aquila reale e la lince, ma c’è un ricambio continuo. Da fine giugno 2020 ci sono tre orsi bruni marsicani salvati dalle grinfie di un circense.

Qui trovate i prezzi e gli orari per visitare il cosiddetto zoo di Pescasseroli.

cervo_zoo_Pescasseroli_Abruzzo

L’area faunistica del Parco Nazionale d’Abruzzo – ad ottobre 2015 c’era pure un cervo!

Escursioni nei dintorni e attività sportive

Escursioni da fare a Pescasseroli

Castel Mancino. Tra le attività fattibili in giornata, c’è l’escursione a Castel Mancino (IX-X sec.), di cui rimangono solo i ruderi. Si tratta di un percorso di 1,9 km che inizia e finisce a via Castello. Lungo il tragitto si possono avvistare scoiattoli e picchi, per poi culminare in una vista panoramica sull’Alta Valle del Sangro. Qui trovate la mappa del percorso ed un approfondimento, mentre nel paragrafo “curiosità” del mio post troverete la storia della fortezza.

Monte Tranquillo. Un’altra camminata da non perdere è quella verso il Santuario di Monte Tranquillo, adatta davvero a tutti. Non dovete essere religiosi per farla: i boschi incantati che incontrerete durante il percorso valgono le tre ore di trekking. A 1637 metri di altezza il panorama è semplicemente incantevole. (Qui la mappa ed ulteriori dettagli).

Le Camosciare. Se cercate percorsi per bambini, vi consiglio anche il Sentiero delle Camosciare: lì da piccola mi divertivo un mondo!

Le faggete UNESCO. La natura nei dintorni di Pescasseroli è una meraviglia per grandi e piccini, e non a caso è patrimonio dell’umanità. Parliamo delle faggete vetuste di Coppo del Principe e Coppo del Morto, di quelle situate tra i comuni di Lecce nei Marsi (Selva Moricento), Opi (Valle Jancino in Val Fondillo e Cacciagrande) e Villavallelonga (Val Cervara).

Barrea (da non confondere con Villetta Barrea). Un paese vicino a Pescasseroli, famoso per il suo lago balneabile e da cui parte il Percorso delle Sorgenti della Jannanghere.

Curiosità personale: questo lago artificiale è stato realizzato anche dal mio pro-zio!

Per maggiori informazioni su cosa vedere nel Parco Nazionale d’Abruzzo (Lazio e Molise), vi rimando al sito ufficiale del PNALM.

Sport: non solo sci!

Anche se le piste non superano la ventina di chilometri, lo sport per cui Pescasseroli è più nota è lo sci, ma se ne possono praticare anche moltissimi altri!

Ci sono infatti sia un centro ippico, che degli spazi sportivi con tanto di campi da tennis, piscina, tiro con l’arco, pista di pattinaggio a rotelle, e campo da pallavolo. Non mancano neanche i campi da calcio, e le biciclette da prendere a noleggio.
Se il classico giro in bici dovesse essere troppo tranquillo per voi, segnalo anche il bike park per praticare il down hill da luglio a fine agosto.

Quando andare a Pescasseroli? – Eventi e cosa fare, stagione per stagione

Primavera

La stagione più piatta, ma il paese sarà tutto per voi e potrete passeggiare in mezzo alla natura in fiore.

Estate

È il momento dell’anno in cui il paese si anima, con eventi, mercatini e gente da altre parti d’Italia.

Nei mesi estivi si concentrano anche molte festività religiose locali, suggestive anche per i non cristiani: l’infiorata del Corpus Domini (video sopra), la festa dei Ss.Pietro & Paolo (29-30 giugno); la Madonna del Carmelo (15-16 luglio) e la Processione al santuario di Monte Tranquillo, nell’ultima domenica dello stesso mese.

Segnalo anche la “Sagra della Scurpella” per la seconda settimana di agosto, che però ha luogo in un paese limitrofo: Civitella Alfedena.

Autunno

Foliage_Abruzzo_Pescasseroli

Cosa vedere a Pescasseroli?  La splendida natura circostante!

Il foliage appena fuori al paese è semplicemente splendido, la parte in cui lo spettacolo è più incredibile è quella di Forca d’Acero.

Inverno e Natale a Pescasseroli

L’inverno qui è alta stagione, e troverete molti turisti dal centro Italia. Per chi volesse sciare a Pescasseroli c’è un sito apposito; mentre per pattinare su ghiaccio c’è una pista stagionale in paese: ottima per bambini e amatori, ma troppo affollata e accidentata per chi volesse allenarsi.

Pescasseroli_neve_2012

Neve a Pescasseroli, febbraio 2012 – Foto in cerca d’autore

Come in tutti i paesini genuinamente religiosi, il modo in cui si festeggia il Natale è molto suggestivo, anche per i non credenti. Una tradizione molto sentita è quella del presepe: ogni abitazione espone il suo davanti casa ed organizzano anche uno scenografico presepe vivente.

Il folklore raggiunge il culmine nella notte di Natale, quando, davanti alla chiesa dei Santi Pietro e Paolo, si accende un falò per riscaldare Cristo, che nacque in un’umile mangiatoia. Di seguito il video per assistere virtualmente all’evento, chiamato “Tomba di Natale“:

Per i prossimi eventi nel Parco Nazionale d’Abruzzo, vi consiglio di monitorare il sito ufficiale. In termini di mercatini, spettacoli in piazza, sagre ed altre manifestazioni legate esclusivamente al paesino, vi conviene chiedere direttamente in loco: sul sito del comune di Pescasseroli, non sempre le informazioni sono aggiornate e non è detto che nell’estate 2020 il calendario verrà rispettato.

Curiosità e leggende

La tradizione dice che sono le vicende di Castel Mancino a dare il nome al paese.

Secondo la leggenda, il principe Seroli, figlio del conte Mancino, si innamorò di una bellissima fanciulla dagli occhi scuri di nome Pesca. Quando il principe partì per le crociate, il malvagio padre approfittò della sua assenza per sedurre la ragazza.

Una volta tornato al castello, il giovane Seroli scorse il corpo privo di vita dell’amata, che si era suicidata per la vergogna e la disperazione. Il principe non esitò a raggiungerla infliggendosi un colpo al cuore con la spada.

Proprio in quest’area, Mussolini fece realizzare delle aiuole a forma di fascio: ora – per ovvi motivi – sono state rimosse.

Il filosofo Benedetto Croce, nato a Pescasseroli

Benedetto Croce, originario di Pescasseroli

Un’altra curiosità su Pescasseroli è legata ai suoi personaggi celebri. Questo borgo abruzzese ha infatti dato i natali al filosofo Benedetto Croce, in onore del quale è stato istituito l’omonimo festival letterario che si celebra qui ogni estate.

La casa in cui il filosofo nacque è Palazzo Sipari, visitabile come un museo: ecco cosa fare a Pescasseroli quando piove! Qui potete curiosare gli interni della dimora storica.

Altre personalità famose legate al paese, sono la scrittrice Dacia Maraini ed il regista e sceneggiatore Ettore Scola. Il cinema locale prende il nome proprio da quest’ultimo, che ha scelto Pescasseroli come ambientazione di molti suoi film.

Sapori d’Abruzzo: dove mangiare a Pescasseroli?

Una da cosa da fare assolutamente a Pescasseroli – come in ogni località italiana – è darsi alla gastronomia: qui ci sono sapori d’altri tempi!

Pescasseroli_Il Ginepro

Ecco una mini-lista di cibi secondo me imperdibili e i posti in cui comprarli:

  • Liquori artigianali locali. I miei preferiti sono il fragolino e la genziana, da prendere assolutamente da “Il Ginepro, localizzato nella IX traversa Sangro.
  • Formaggi come scamorze affumicate, pecorino, ricotta e caciocavallo, da comprare da “La Casciara in viale Gabriele D’Annunzio. L’insegna recita “Formaggi e salumi dal 1902”, tanto per rendere l’idea.
  • Pizza bianca. “Si trova ovunque”, mi direte, ma secondo me quella de Il vecchio fornoin Piazza Emanuele II è speciale.

Della provincia de L’Aquila sono anche lo zafferano e le cicerchie, senza dimenticare patate e carni particolarmente prelibate.
Se cercate dei buoni ristoranti a Pescasseroli, eccone alcuni, in ordine sparso:

  • Ristorante A Cavu’t. Piatti abbondanti e di ottima qualità: la carne credo sia il pezzo forte.
  • Da Giuseppe. Da prendere sia la polenta, che la pasta fatta in casa.
  • Duca degli Abruzzi. Qualità elevata, ristorante di fascia alta, nessun menu alla carta.

Vicino_Pescasseroli_Abruzzo


Dove dormire a Pescasseroli: alberghi, appartamenti e b&b

Qui ho sempre dormito a casa di mia nonna, ma posso consigliarvi alloggi sperimentati da parenti e amici.
Il Duca degli Abruzzi, lo stesso del ristorante di cui sopra. È un albergo di fascia medio-alta dalla qualità impeccabile: se in alta stagione una doppia viene circa 100€ un motivo c’è.

Villino Mon Repos. Un hotel a quattro stelle in cui sarete catapultati direttamente negli anni ’20. Questo villino liberty apparteneva infatti allo zio di Benedetto Croce, ed è uno splendido alloggio dotato di tutti i comfort, tra cui la spa. Ho avuto l’occasione di visitare anche le suite, e sono rimasta incantata.

La Primula, un hotel-residence immerso nella natura con tanto di spa e centro benessere. È una soluzione particolarmente indicata per l’inverno, visto il servizio navetta per raggiungere gli impianti sciistici.

Hotel Edelweiss. Oltre al centro benessere, questo albergo offre il mini-club per bambini. Si trova in una posizione strategica tra piste e centro storico di Pescasseroli.

Su booking trovate tipologie di alloggio per tutti i gusti e per tutte le tasche:


Booking.com

Altrimenti, se non siete ancora iscritti ad Airbnb, potete ottenere un buono da 35€ cliccando qui!

Come arrivare a Pescasseroli da Roma?

In bus

Con la corriera regionale della TUA (ex ARPA). Nel periodo estivo vi è il servizio diretto dalla stazione Roma-Tiburtina, mentre nelle altre stagioni bisogna fare il cambio ad Avezzano.

In macchina

Indubbiamente il mezzo più veloce: dalla capitale a Pescasseroli ci vogliono circa due ore di guida. Si prende  l’A24 per Pescara fino a Pescina, e poi si procede sulla Sr83 Marsicana verso Gioia dei Marsi. Una volta arrivati a Gioia Vecchio, bisogna attraversare il Passo del Diavolo e seguire le indicazioni per Pescasseroli.

Come si fa a non amare l’Abruzzo?

Valeria


Se cercate altre destinazioni naturalistiche nel centro Italia, vi consiglio anche le Cascate di Monte Gelato a soli 40 minuti da Roma, e, al confine con l’Abruzzo, il Lago del Turano e Castel di Tora.